Nuovo Museo Schloss Sayn

Exhibition Schlossstraße 100, 56170 Bendorf, DE

Offriamo ai nostri ospiti una visita guidata gratuita, in quattro lingue: tedesco, inglese, francese e italiano. Il testo è letto da Stephanie Paatsch e Heike Kamp di 2friendly (tedesco), dai nostri generi Archie Akhavan-Kharazian (inglese) e il Conte Stefano Hunyady (francese) e da nostra nuora, la Principessa Priscilla (italiano).

Author: Neues Museum Schloss Sayn

50 Stations

1. Benvenuti

Benvenuti in un tour attraverso il Nuovo Museo Schloss Sayn

Offriamo ai nostri ospiti una visita guidata gratuita, in quattro lingue: tedesco, inglese, francese e italiano. Il testo è letto da Stephanie Paatsch e Heike Kamp di 2friendly (tedesco), dai nostri generi Archie Akhavan-Kharazian (inglese) e il Conte Stefano Hunyady (francese) e da nostra nuora, la Principessa Priscilla (italiano). Inoltre, sentirete degli inserti pronunciati da noi stessi, dalle nostre figlie, le Principesse Alexandra e Sofia, e dai nostri nipoti, il Principe Ludovico e la Contessa Elisabetta Hunyady.
Scaricate l'app DigiWalk, per scansionare i codici QR in tutta la mostra, e ottenere ulteriori informazioni scritte o orali, oltre ad immagini e video.
Non vediamo l'ora di darvi il benvenuto e vi auguriamo una visita indimenticabile.

Cordiali saluti
Gabriela e Alexander Sayn-Wittgenstein

All'inizio del tour, riceverete un benvenuto speciale dalla Principessa Marianne, che ha 101 anni e vi guarda da una grande foto, oltre a suo figlio Alexander, il padrone di casa, e sua moglie, la Principessa Gabriela.
Passando il guardaroba e la citazione dell’Imperatore Guglielmo: "Davvero, è proprio castello delle fiabe", il vostro sguardo cade ancora una volta sulle figure di punta del museo, le principesse Leonilla e Marianne.
“La mia tris-nonna Leonilla visse quasi 102 anni, dal 1816 al 1918. La vita di mia madre iniziò subito dopo. Nata nel 1919 e ancora molto attiva, anche lei dovrebbe presto raggiungere l'età biblica di Leonilla ".
Vogliono raccontarti la storia dei loro secoli in un tour di due piani: dalla vittoria su Napoleone, la ricchezza e lo sconvolgimento sociale in Russia, il ritorno della famiglia a Sayn, due guerre mondiali con distruzioni, privazioni e ricostruzioni, fino ad arrivare alla vita sociale, dagli anni '50 ai giorni nostri, raccontata magistralmente, con delle fotografie.

2. Storia familiare

Vedrete chi, della nostra famiglia, ha lasciato tracce in una storia di oltre 1000 anni.
La cronologia inizia poco dopo la svolta del 2 ° millennio, con il nostro primo antenato maschio noto, il Conte Stephan von Sponheim. Si tratta in particolare di Heinrich il Grande di Sayn, il Camerlengo Ludwig il Vecchio con i suoi 23 figli e il Maresciallo di Campo Peter. Ma anche di importanti principesse, come l'immensamente ricca Stephanie, la bella Leonilla e la celebre Marianne.
Alla fine incontrerete la famiglia principesca, ritratta nell'estate del 2019, alle nozze del Principe Casimir e della Principessa Alana, con 6 dei 7 figli, i loro coniugi e 9 nipoti. Nel frattempo, è nato un decimo nipote, Salentin, primo figlio di Alana e Casimir – e forse, ce ne saranno ancora in futuro.
Durante queste feste di famiglia, la Principessa Filippa, morta troppo presto in un incidente stradale nel 2001, manca sempre molto a tutti. Per celebrarla, è stata creata una fondazione.

3. Storia della costruzione del castello

Di fronte, sul vecchio muro di pietra, dei pannelli spiegano la storia dei 600 anni del castello, dai suoi inizi come castello medievale, alla ristrutturazione neogotica, intrapresa della coppia di principi, Ludwig e Leonilla.
E poi, dalla distruzione nella seconda guerra mondiale alla ricostruzione del Principe Alexander e della Principessa Gabriela, 25 anni fa.
Interessante anche vedere le notevoli dimensioni della soprastante rocca di Sayn, distrutto dagli svedesi durante la Guerra dei Trent'anni e parzialmente restaurato dalla coppia principesca attuale, che lo ha reso visitabile negli anni '80.

4. Vetrina con decorazioni e L'Angelo di Filippa

La piccola vetrina con decorazioni espone alcuni dei premi che la Principessa Marianne e la coppia principesca attuale, hanno ricevuto per il loro impegno sociale e culturale, sia a livello nazionale che europeo.
"La Fondazione L'Angelo di Filippa" creata dalla nostra famiglia, è un ricordo di nostra figlia Filippa, morta a 21 anni ",
spiega la Principessa Gabriela.
“Pochi mesi dopo la sua morte, abbiamo trovato i suoi diari e dopo un'attenta considerazione, ne abbiamo pubblicato alcuni estratti. Il libro, "L'Angelo di Filippa", è diventato un bestseller. La fondazione nasce dagli utili della vendita del libro e premia i giovani che si distinguono in campo sociale, ecologico e culturale, il più delle volte su base volontaria ".

5. Lo scalone storico

Siamo già nel grande scalone in stucco, dopo la ricostruzione in parte moderna, in parte decorata con elementi di stucco restaurati, dell'ex galleria degli antenati. Le foto sul pannello in basso a destra danno un'idea del suo antico splendore.
Di fronte, vedete i ritratti, opere di Carl Begas, del Maresciallo di Campo Peter e la moglie Antonia, così come anche, la sua coperta da parata.
A sinistra della scala, un altro ritratto della Principessa Marianne, disegnato da Birgit Knaus, cognata del pilota automobilistico Niki Lauda.
Oggi, lo scalone è dominato da un'enorme immagine dell'antenato Maresciallo di Campo Peter, ma ne parleremo più avanti.

6. Gli anni a Sayn

La Principessa Marianne è una grande fotografa ed ha da poco compiuto 100 anni. Fin dalla sua giovinezza, è stata conosciuta solo con una macchina fotografica in mano. Scatta foto in modo molto impulsivo, a nessuno è permesso di posare per molto tempo. Quando si diverte, preme il grilletto, e sempre al momento giusto, come ha detto una volta il suo amico Gunter Sachs. Circa 300.000 volte negli ultimi nove decenni.
Le immagini in bianco e nero del suo SaynerZeit, i 20 anni che suo marito Ludwig (detto “Udi”), ha vissuto con lei a Sayn dal 1942 al 1962, sono particolarmente preziose.
I suoi ritratti, delle persone che hanno lavorato con lei alla ricostruzione, sono persino paragonati all'arte fotografica di August Sanders. Anche se per lei era un’attività amatoriale, sebbene eseguita con molto talento, e occhio per una buona foto.

7. La Principessa Marianne è una grande fotografa ed ha da poco compiuto 100 ann

Sul muro accanto alle finestre, si può vedere, in foto che mostrano la situazione nel 1946, quando il Principe Ludwig fu liberato e, con sua moglie Marianne, vennero a vivere qui, la distruzione di questo castello da parte di unità tedesche, desiderose di far saltare in aria un ponte non lontano, prima della fine della guerra.
Il loro figlio maggiore, il Principe Alexander, ha ingrandito la sua foto preferita: la raccolta delle patate:
“Nei primi anni dopo la Guerra, vivevamo in una piccola fattoria e tutti dovevano aiutare. Mio padre "Udi" si inginocchia a sinistra di un cesto pieno di patate, mia sorella Wonni è seduta sul cavallo da lavoro, Li tra le braccia dello zio sfollato "Oschatz" - e io, sono proprio nel mezzo, tra la governante e gli aiutanti del raccolto. Un tempo meraviglioso!”

8. La vita sociale

Altrettanto meraviglioso per la giovane coppia è stata la vita sociale che si stava gradualmente riprendendo a Bonn, con amici diplomatici, nel Rheingau e sempre più anche nella nuova casa di campagna a Sayn. Hanno celebrato per essere sopravvissuti alla guerra, per essersi sbarazzati di tutte le preoccupazioni e per poter incontrare di nuovo amici da tutto il mondo.
Lo sport, la caccia e il viaggio hanno di nuovo avuto un ruolo importante, ma ne parleremo più avanti nel nostro tour.
“Appena dopo le elementari, noi bambini andammo in collegio, come usava fare all'epoca nella nostra famiglia. Ancora maggiore era la gioia di sciare con i genitori in vacanza o di fare escursioni in montagna.”
Dice il principe Alexander
“Tutto questo cambiò radicalmente, quando nel gennaio del 1962, mio padre fu mortalmente colpito dal rimorchio di un camion che è scivolato sulla strada, mentre lui si avviava alla cassetta postale, qui a Sayn. Mia madre si è ritrovata a dover andare avanti da sola, con 5 bambini.“

9. La padrona di casa

Dopo la morte di suo marito, la Principessa Marianne tornò nella sua patria austriaca, a Fuschl am See, dove aveva costruito con lui una casa di caccia. Arredata con vecchi mobili agricoli, accoglienti stufe piastrellate e un sacco di stanze, è diventata la sua nuova casa e una casa di vacanza amata per i loro 5 figli.
Per cinquant'anni, la Principessa Marianne ha accolto il bel mondo, che ha partecipato al Festival di Salisburgo. La sua casa divenne un famoso luogo di incontro per le colazioni leggendarie di “Manni”, tutte le domeniche, spesso per un centinaio di ospiti.
“Gli offrivamo del gulasch di selvaggina e torta di prugne”,
dice la Principessa Gabriela,
“sui i tavoli coperti di lino colorato, decorati con fiori di campo e, se il tempo lo permetteva, ci si poteva sedere fuori nel giardino, di fronte al fienile. Tutto fatto in casa e basso costo, e tutti ne erano felici.”

10. L'armadio rustico

La Principessa Gabriela ha modellato meravigliosamente il vecchio armadio rustico al centro della stanza, dall'originale nell'ufficio di sua suocera, a Fuschl.
“Mostra la sua vita, il suo ruolo di matrona di una famiglia numerosa, la sua gioia di vivere, incontrare persone interessanti e viaggiare per il mondo.
La metà sinistra è riservata ai suoi discendenti. Tuttavia, ci sono ricordi dei suoi incontri con Andy Warhol, Salvador Dalì e Jackie Stewart.
A destra, vediamo i suoi otto fratelli, i suoi genitori e tutte le celebrità che ha conosciuto a Fuschl, o in tutto il mondo. Vedete Siegfried e Roy, il Principe Carlo, Gunter Sachs, Curd Jürgens e il Santo Padre. Tuttavia, ci sono anche i suoi vicini di casa, contadini immortalati in foto.
Sul retro dell'armadio ci sono i suoi ormai famosi libri fotografici: "Mamarazza", "Stars and Sportscars", "SaynerZeit" e "ManniFeste". "

11. „Mamarazza“, la famosa fotografa

"Mamarazza", come l'aveva battezzata Caroline di Monaco, li fotografò tutti, anche la sera dopo il Festival, quando continuavano le celebrazioni a Schloss Klessheim o Leopoldskron.
Già pochi giorni dopo, le foto erano incollate nei suoi album rossi, datate ed etichettate. “Manni” ha conservato i negativi altrettanto ordinati, fino ad oggi alcune centinaia di migliaia.
Per un po’ si è guadagnata da vivere con la fotografia. Ha accompagnato il suo amico Hans-Dietrich Genscher in viaggi politici, volato a Bora Bora per le foto di copertina di "Bunte" con Lilli Palmer o visitato Yves Saint Laurent per "Ambiente" in Marocco.
E infine è stata persuasa da Beate Wedekind di organizzare una prima mostra a Berlino. Molte altre seguirono, a Salisburgo, Vienna, Zurigo, Monaco, Londra e New York. Steidl ha stampato l'album fotografico "Mamarazza" imitando suoi album, teNeues ha pubblicato "The Sayn-Wittgenstein Collection" con Andy Warhol e Ira Fürstenberg sulla copertina, e Polzer ha pubblicato "SaynerZeit" e "ManniFeste”. Infine, "Stars & Sportscars", pubblicato da Delius Klasing, è stato il libro degli sport dei motori dell'anno.
Il 9 dicembre 2019, in occasione del suo centesimo compleanno, la Principessa, ancora molto elegante, è stata celebrata come Grande Dame del Festival di Salisburgo, come Mamarazza della fotografia e infine come madre 5 volte, nonna 20 volte, bis-nonna 32 volte e 4 volte tris-nonna.
Nella stanza accanto scopriamo anche i bei ritratti che ha fatto della sua discendenza.

12. Siate per una volta il Principe e la Principessa di „Sayn“

Ora veniamo al "Regno dei bambini", progettato dall'agenzia 2friendly. Stephanie Paatsch e Heike Kamp sono state delle guide turistiche molto popolari negli ultimi anni, con i loro tour a tema.
Lasciate che vi spieghino il loro concetto:
“Qui, con un laboratorio di fiabe, abbiamo deliberatamente evitato di usare i media moderni. Il nostro motto è: "L'immaginazione è il nostro hobby"!
I piccoli e i più grandi scivolano nei magici costumi della stilista Natascha Klein, e la foto ricordo sul "trono" diventa un'esperienza davvero speciale.
Si può anche scoprire molto con l'allegro barboncino Disco. Nessuno osa dirgli che, nonostante la sua criniera gonfia, non è un vero leone di Sayn. Troneggia nel cestino di velluto e aspetta di accompagnare i visitatori, con le sue storie divertenti, attraverso le stanze del castello. Eccoci partecipi, con anche il piccolo terrier Sugar del Principe Alexander, il migliore amico di Disco.”

13. Ritratti di bambini

“Le foto dei bambini provengono tutte da mia madre, la Principessa Marianne.”
spiega il Principe Alexander.
“Istantanee meravigliose di mio fratello Peter nel porcile, mia sorella Teresa alla toeletta, ed entrambi sotto le lampade solari.
Anche i ritratti dei nostri sette figli. Li ha sviluppati da sola, nella sua camera oscura a Fuschl e ovviamente li ha mostrati con orgoglio ai suoi amici. Ne sono derivati molti lavori che hanno fatto conoscere mia madre in tutto il mondo.
Per favore, non guardate le mie pagelle di scuola qui esposte. Che imbarazzo!”
I nostri piccoli ospiti sono ora inviati dal paggio Peter, con la camicia verde, e dal "leone" Disco, a salire al piano superiore.

14. Il Principe Peter a Parigi

Abbiamo appena visto il giovane Principe Peter, ritratto come un bel paggio con la camicia verde, e ora siamo nell'atrio di fronte al "più ricco scapolo d’ Europa", in uniforme bianca, come un addetto militare russo a Parigi. Aveva ereditato circa 1,2 milioni di ettari di terra da sua madre, la Principessa Stephanie Radziwill, ricca di città e villaggi, palazzi e castelli. A Parigi, Peter si innamorò dell'attrice Rosalie Léon, un matrimonio poco raccomandabile. Nonostante ciò, la sposò, regalandole due castelli in Bretagna. Sfortunatamente, morirono senza figli. Il loro patrimonio ritorna a sua sorella Marie.
Ci spostiamo rapidamente di sopra, tramite le scale o l'ascensore, verso il nonno di Peter, il Maresciallo di Campo.

15. Lo scalone oggi

La prima cosa che vedete è il busto di marmo del Maresciallo Peter Sayn-Wittgenstein, opera di Samuel Halberg. Anni fa cadde dal piedistallo, e Peter perse un pezzo del naso.
Lo stucco neogotico a filigrana, che caratterizza la grande scala, è stato molto danneggiato dopo che il castello fu distrutto durante la guerra. È stato abilmente restaurato su questo piano, mentre i frammenti sopra e sotto ricordano il danno che abbiamo riscontrato quando abbiamo iniziato la ricostruzione, nel 1995.
Originariamente, lo scalone, con la sua scala a due livelli in ghisa, era una galleria di antenati, con grandi ritratti e applicazioni murali, dorate a fuoco.
Passato il busto della moglie del maresciallo di campo Peter, Antonia, opera in marmo del famoso Christian Daniel Rauch, ci dirigiamo verso l'ala della cappella.

16. Un grande ritratto del Maresciallo

Una passerella moderna consente ai nostri visitatori con difficoltà motorie, di raggiungere la parte posteriore dell'edificio senza barriere architettoniche, ma allo stesso tempo, costituisce una tribuna perfetta per la vista del nostro più grande e importante dipinto di famiglia.
Dipinto da Franz Krüger, il Maresciallo di Campo è visto come un famoso eroe, come il salvatore di San Pietroburgo e comandante in capo degli eserciti alleati, nel 1813.
Ludwig Adolf Peter Graf von Sayn-Wittgenstein-Berleburg e Ludwigsburg e Carlsburg, come fu chiamato con il suo nome completo, fece una rapida carriera nell'esercito russo e ottenne grande fama nelle guerre di liberazione contro Napoleone. Il Re di Prussia lo gratificò per la liberazione della Prussia con il titolo di principe, lo Zar Nicola lo nominò Maresciallo di Campo.

17. Ossip, l‘ eroe.

Il Maresciallo non avrebbe mai raggiuto la sua fama ed il suo onore se non ci fosse stato Ossip, il servitore della casa. Dal disegno potete vedere che era una persona di statura piuttosto piccola.
In una notte d'inverno del 1771, mentre il Conte Christian Ludwig combatteva nel Caucaso, sua moglie Amalia Ludovika, diede alla luce ad una figlia.
Poco dopo, nella sua casa vicino a Mosca, scoppiò un incendio. Ossip salvò il futuro Maresciallo dalle fiamme, così come la neonata Amelie. Tuttavia, la madre morì. La Principessa Charlotte von Lieven, moglie del governatore provinciale, prese in carico i bambini e in seguito si assicurò che Ludwig Adolf fosse ammesso all’ accademia militare Pagencorps di San Pietroburgo.
Amélie sposò il Conte Keller, con il quale ha avuto numerosi discendenti, tra cui la Principessa Leonilla, di cui sapremo di più fra un instante.

18. Il nuovo giardino d‘ inverno del Castello.

Prima della ricostruzione, c'era uno stretto cortile sul retro, che avrebbe dovuto tenere l'umidità della collina vicina lontana dall'edificio del castello. Quando è stato ricostruito 25 anni fa, i nostri architetti, Bingenheimer, Hädler e Schmilinsky di Darmstadt, hanno coperto lo spazio aperto con un tetto di vetro, tirato su un soffitto, e creato un passaggio attraverso la cappella del palazzo, ideale per mettere a riparo le grandi piante, non resistenti all'inverno.
I giardini d' inverno hanno una lunga tradizione nelle nostre case. Qui a Sayn esisteva un "giardino di palme", progettato da Carl Ludwig Althans, l'architetto della bella fonderia della Sayner Hütte.
Il giardino d'inverno di Karl Friedrich Schinkel era ancora più importante, nel castello di Werki in Lituania. Il grande costruttore prussiano doveva originariamente ricostruire il fatiscente edificio in mezzo all' ampio complesso a tre ali, per il Principe Ludwig. Invece, propose di rimuoverlo, per aprire la vista sul parco. Alla fine aggiunse un grande giardino d'inverno nell'ala sinistra della casa, che era direttamente collegato allo studio della Principessa.

19. Un moderno motore a vapore per alimentare i pozzi

Un grande tubo di ferro, che sporge misteriosamente dal vecchio muro di pietra, ricorda un altro capolavoro tecnico. Alphonse F. J. Girard, l'architetto della ristrutturazione nel 1848-50, fece scaricare l'acqua piovana dai tetti del castello, in una cisterna. Un potente motore a vapore pompava l'acqua da lì in un bacino sotterraneo, sulla collina del castello. La fontana del parco e il getto nel laghetto del castello potevano essere alimentate artificialmente, senza ulteriori pompe.

20. La creazione del parco del Castello

Anche nel parco barocco, esisteva già un giardino recintato, oltre ad un edificio che fungeva da orangerie e voliera, proprio dove il Giardino delle Farfalle continua oggi questa tradizione. Durante la pianificazione del parco in un giardino paesaggistico all’ inglese dell'architetto di giardini di San Pietroburgo, Karl-Friedrich Thelemann, lo stoccaggio delle piante durante l'inverno è stato spostato alla casa degli ananas, nel vicino vivaio del castello.

21. Dagli alberi, agli alberi genealogici

Prima di lasciare questa zona, troviamo un grande albero genealogico che rappresenta quasi 1000 anni della famiglia, a partire dal Conte Stephan I. von Sponheim, fino al 2000. Si può vedere l’arrivo dei Conti di Sayn e Wittgenstein, così come la ramificazione nelle linee Berleburg, Hohenstein e Sayn. Inoltre, ci sono anche altri alberi genealogici di famiglia, che illustrano la parentela con diverse case regnanti europee. Infine, un pannello fornisce le risposte alle domande più frequenti sulla nobiltà di oggi.
Qui, il Principe Alexander ci dice come vorrebbe essere chiamato:
“Anziché „Caro Signor Prinz zu Sayn-Wittgenstein-Sayn”, preferisco semplicemente „Caro Principe Alexander“!”

22. Il Maresciallo russo Peter

Ora stiamo entrando in uno spazio appena creato, la Galleria degli Antenati. Qui vorrei presentarvi le tre personalità più importanti della famiglia principesca del XIX secolo.
Conoscete già, il maresciallo di campo Peter, e suo figlio maggiore, il Principe Ludwig, e la Principessa Leonilla, dipinta da Franz X. Winterhalter. I ritratti, tutti in nostro possesso, sono stampati qui in modo molto decorativo, sull'acrilico.
La carriera del Conte Peter nell'esercito russo fu in salita. Raggiunse l'apice della sua fama nel 1812-14, nella guerra contro Napoleone. Con il suo corpo d’ armata, riuscì a tenere i francesi lontani da San Pietroburgo. Dopo la morte del maresciallo Kutuzov, il generale Peter fu per breve nominato comandante in capo delle truppe russe e prussiane unite.

23. La cantina di Kamenka

Di fronte al Maresciallo di Campo, si possono vedere le immagini della sua cantina a Kamenka, situata nella repubblica sovietica della Transnistria, che è stata divisa dalla Moldavia. Il Conte Peter aveva acquisito la tenuta di 6.000 ettari, come premio per i suoi successi militari. Per gestirla, vi insediò centinaia di coloni, che portò dal Reno e dalla Mosella e a cui costruì case e una chiesa. Il vino veniva conservato in cantine sotterranee che percorrevano ben 120 km. Divenne presto uno dei migliori vini dell'Impero russo.

24. L’attestato principesco

In una vetrina mostriamo l’attestato del 1834, che insignisce il Conte Peter del titolo di “principe”, attribuito dal re prussiano Federico Guglielmo III, come segno di gratitudine per la liberazione della Prussia, dal giogo di Napoleone. In più, venne garantito a lui ed ai suoi discendenti, di portare il predicato "Durchlaucht " (Altezza Serenissima).
Lo Zar Nicola I rese omaggio al "salvatore di San Pietroburgo", dopo che lo aveva già nominato Maresciallo di Campo, nel 1826.

25. Ludwig e Stephanie

Ludwig, il figlio maggiore del maresciallo di campo, si sposò nel 1828, grazie alla mediazione degli Zar, con la Principessa Stephanie Radziwill, erede della “Fortuna Radziwill“.
Circa 100.000 servi vivevano nelle loro numerose proprietà nell'ex Polonia. Ludwig, che era vicino alla società segreta liberale dei "Decabristi”, lavorò con Stephanie per le riforme sociali, l'abolizione della servitù della gleba, e la scolarità.
Stephanie morì dopo 4 anni di matrimonio. Le sopravvissero due bambini, il bel Peter e la piccola Marie.
Potete vedere Marie come una vecchia signora, verso la fine della galleria. Sposò il futuro cancelliere tedesco, il Principe Chlodwig zu Hohenlohe-Schillingsfürst. Sua figlia Stéphanie, sposata con il Conte Arthur von Schönborn-Wiesentheid, è la bisnonna dell'attuale Principessa Gabriela di Sayn.

26. Ludwig sposa Leonilla

Già due anni dopo la morte di Stephanie, Ludwig si sposò una seconda volta, sempre grazie alla mediazione dello Zar, stavolta con la Principessa Leonilla Bariatinsky, ex cortigiana della Zarina. Appena diciottenne, era conosciuta per la sua bellezza e bontà.
Ben presto, la coppia principesca si mise in viaggio attraverso l'Europa, incontrando artisti. Si fecero ritrarre e acquisirono un'importante collezione d’ arte, prevalentemente contemporanea. Tuttavia, il rapporto con lo Zar autocratico Nicola I, si deteriorò notevolmente, a causa dell'atteggiamento liberale di Ludwig. Era ora di tornare in Germania.

27. Dalla Russia a Sayn

Ludwig cercò di acquisire una grande proprietà, in linea con la sua ricchezza. Alla fine, la coppia si stabilì a Sayn, dove la famiglia aveva le sue origini, e dove aveva vissuto fino all'estinzione della linea di Sayn, nel 1604.
Il Presidente Regionale di Koblenz, Conte Clemens Boos von Waldeck, era pronto a vendere la sua tenuta di Sayn, con quelle che furono le case del castello di Reifenberg e Stein. Il Re Federico Guglielmo IV restituì ai rimpatriati le rovine del loro castello di famiglia.
L'architetto del Louvre, Alphonse Girard, fu incaricato di convertire l’antico e vetusto castello, in una moderna residenza principesca.
Per eseguire i lavori di ghisa delle scale, fontane e, in modo piuttosto unico, cornici delle finestre, fu incaricata la Sayner Hütte, che, durante l’anno della Rivoluzione del 1848, lavorò intensamente.
La Principessa Leonilla fondò accanto al castello il “Leonilla-Stift”, con le suore di Dernbach, adibito a ricovero per i bambini, gli ammalati e gli anziani.

28. La cultura della tavola

Ora raggiungiamo la sala blu, la sala più grande del nostro Nuovo Museo. Qui vorremmo raccontarvi qualcosa sulla cultura della tavola nel XIX secolo e mostrare i diversi piatti e posate, che venivano utilizzati a seconda dell'occasione. Questo servizio è ancora oggi utilizzato per i matrimoni della nostra famiglia.
Un servitore in livrea protegge il muro di stoviglie del nostro servizio più bello, il “feuillet dorato" di Parigi. Questo servizio viene tutt’oggi utilizzato per le occasioni speciali, per un massimo di 100 invitati. Il buffet sottostante conserva vari altri piatti, tra cui la ceramica Blue Wedgewood, molto bella, ma troppo fragile da usare.
Accanto ad essa si osserva anche una parte della nostra biblioteca, con una collezione di manuali genealogici, chiamati "Gotha", dal 1760.
Sul tavolo lungo, mostriamo riproduzioni fotografiche in acrilico per illustrare come la tavola veniva apparecchiata in modo più elaborato, a seconda dell’occasione. Qui, le guide turistiche possono raccontare ai visitatori le vecchie ricette, oppure possono mostrare loro come la tavola è apparecchiata alla vecchia maniera, e come facciamo ancora oggi, in occasioni di festa.
Accanto, Casimir e Alana hanno allestito „la tavola dei bambini“, per il loro barboncino Disco.

29. L’argenteria e gli antichi bicchieri

La vetrina degli argenti contiene posate e piatti di Storr & Mortimer prodotti intorno al 1835 e le più recenti posate per dessert in vermeil, di Mortimer & Hunt.
A quel tempo, i grandi argentieri di Londra vendevano i loro oggetti alle le principali corti europee, tra cui San Pietroburgo. Le posate in argento, come anche i piatti per la tavola, venivano fatti su ordinazione e dotati di stemma, in questo caso il leone di Sayn, o le iniziali del Principe Ludwig.
Nella vetrina accanto, sono esposti bicchieri preziosi e caraffe in vetro soffiato. Sui bicchieri, ci sono le iniziali e le corone, con diverse incisioni di diversi antenati del XVIII e XIX secolo.
Nel ripiano inferiore, si possono ammirare due ampolliere in cristallo, di quasi 200 anni. Sotto di esse, una scatola di mogano con un set da viaggio, dalla Principessa Leonilla.

30. Il set da toeletta di Leonilla

Particolarmente affascinante è il baule in mogano nel vano inferiore. Contiene il set da toeletta da viaggio della Principessa Leonilla. Comprende 32 pezzi singoli, che sono stati utili per la cura di una donna, che ha viaggiato molto.
Qui, troverete flaconi per varie essenze, tonici per il viso e profumi, in cui il profumo preferito di Leonilla è conservato fino ad oggi. Vasetti per polvere, paste, creme, portasapone, forbici e utensili da cucito, oltre ad un lavandino con una brocca per l’acqua, un portacandele e molti altri bicchieri in cristallo e argento. Tutti gli utensili sono incisi con il monogramma di Leonilla e riposti in modo molto intelligente, in uno spazio molto piccolo.
L'argentiere londinese Nicholls & Plincke, che all'epoca gestiva l'English Store a San Pietroburgo per conto della raffinata azienda, è l'autore di questo capolavoro.

31. I vestiti da sposa delle principesse

In un ritratto del fotografo di Monaco Sahm, la Principessa Marianne sembra visibilmente soddisfatta dello scenario della Sala Blu.
Osserva, oltre alla tavola apparecchiata, gli abiti che la Principessa Alana ha indossato per il suo matrimonio con il Principe Casimir, il primo giugno 2019, a Sayn. Il vestito da sposa, disegnato dallo stilista spagnolo Jorge Acuna, e un abito da sera, con il quale ha incantato i 250 ospiti, durante la cena di gala nella Sayner Hütte.
Il Principe Alexander si entusiasma:
“Alana era bellissima e siamo felici di potervi mostrare i suoi vestiti. Un abito da sposa completamente diverso, e altrettanto impressionante, è quello di mia sorella Yvonne. Nel 1962, lo indossò al suo matrimonio con il Conte Alfons Coreth. Con il suo lungo strascico, ornato di innumerevoli fiori di organza, non solo ha deliziato il custode del castello, in abiti da festa ".
Ora il percorso vi porta nella stanza successiva, nel mezzo di muri decorati con i piatti del famoso Emile Gallé, di Nancy, prodotti intorno al 1870. Furono ordinati per il matrimonio del figlio minore del Principe Ludwig, il Principe Alexander, con la Contessa Yvonne de Blacas. Essendo in ceramica, sono troppo delicati per un uso frequente, e perciò vengono utilizzati unicamente per occasioni molto speciali.

32. San Pietroburgo

In questa sala torniamo in Russia. Ci imbattiamo in un quadro di grande formato che ritrae una scena durante un ballo a San Pietroburgo, dipinto da Adolf Ladurner. Mostra lo Zar Nicola I, la Zarina Alexandra e il Gran Duca Michael, così come il Maresciallo di Campo Peter, suo figlio Ludwig e la sua prima moglie, Stephanie.
"A differenza di Nicola, suo fratello e predecessore, lo Zar Alessandro I, era abbastanza liberale e sempre ben disposto nei confronti della nostra famiglia",
dichiara il Principe Alexander.
"Ve lo mostriamo a sinistra della vetrina, e a destra il suo Generale e Maresciallo Peter Sayn-Wittgenstein, l'eroe delle guerre di liberazione contro Napoleone e il famoso “Salvatore di San Pietroburgo"."

33. A proposito delle nutrici, delle madri, e dei loro figli

Sopra la vetrina, un dipinto di Pierre Legrand mostra la piccola Leonilla Bariatinskaya, sulle ginocchia della sua bambinaia russa. Forse la cuffia che indossa, è quella ancora usata nei nostri battesimi di famiglia, che si trova nella vetrina adiacente, con il vestito.
Il bellissimo bracciale mostra sui medaglioni il figlio di Leonilla, Friedrich, con i figli di Stephanie, Peter e Marie.
Sul muro accanto, potete vedere la copia di una grande dipinto di famiglia, opera di Horace Vernet. Mostra Leonilla a cavallo durante una battuta di caccia col falco. Dietro, suo marito Ludwig e davanti, il figlio di lui Peter, con la camicia verde, e a sinistra, sua sorella Marie.
Una governante tiene Friedrich, il figlio maggiore di Leonilla, sulle sue ginocchia, un esempio raro di ritratto di domestici.
Un dipinto ad acquerello, di J. S. Otto, mostra Leonilla con la figlia Antoinette, sulle sue ginocchia, qualche anno più tardi.
Leonilla trascorse degli anni felici con Antoinette, la quale diventò più tardi la Principessa Chigi -Albani, nel suo palazzo a Roma, e nel suo castello di Ariccia.

34. Yvonne e Alexander

Passando alla riproduzione in gesso del piede di Leonilla, suo dono d'amore a Ludwig per il secondo anniversario di matrimonio, veniamo ad Alexander, suo figlio minore, bisnonno dell'attuale principe, e la sua adorabile moglie Yvonne.
Purtroppo, la figlia del Duca di Blacas d'Aulps, morì quando aveva solo trent'anni.
Proveniva dal castello Ussé, sulla Loira, che ispirò la storia della Bella Addormentata nel Bosco.
“Il pittore Hugo Crola ha ritratto molto bene la mia bisnonna, nel quadro qui in basso nella vetrina”,
racconta il Principe Alexander,
“ma il mio pezzo preferito si trova qui accanto: il suo busto di marmo, dello scultore Samuel Beer”.
Yvonne lasciò l'erbario, in cui aveva raccolto fiori pressati e tutti i tipi di ricordi dei suoi viaggi con Alexander. Nella vetrina, troverete dei souvenir delle nozze d'oro dell'Imperatore Guglielmo I e dell'Imperatrice Augusta, al Palazzo di Berlino, nonché un invito del Presidente francese Patrice de Mac Mahon, Duca di Magenta, al Palazzo dell'Eliseo. C'è anche una lettera di Yvonne a sua madre, scritta in due direzioni contemporaneamente, per risparmiare carta, durante la guerra franco-prussiana. Che contrasto con lo splendore degli inviti!

35. Discendenti di Alexander

Poiché il secondo matrimonio di Alexander non era conforme con le regole della famiglia, egli si ritirò nel 1883, come Conte di Hachenburg, nei suoi castelli nella Westerwald. Lo vediamo ritratto a quasi 70 anni, in un pastello di Lambert.
Gli dobbiamo il "Sayn’sche Chronik", molta letteratura locale, una vasta collezione di monete di Sayn e centinaia di suoi disegni, della sua vita frenetica. Morì all'età di 94 anni e trovò la sua ultima dimora nell'abbazia di Marienstatt, vicino ad Hachenburg, con la scultura del suo cane pechinese Rila, sulla lastra della tomba.
Suo figlio maggiore, August Stanislaus, rilevò l'eredità di Sayn come quinto principe di Sayn-Wittgenstein-Sayn nel 1883, all'età di 10 anni. Quando morì senza figli, nel 1958, suo nipote Ludwig, figlio del Principe Gustav Alexander e della moglie Walburga, Baronessa di Friesen, divenne a sua volta principe. "Sandy", come veniva chiamato, era il nipote preferito di Leonilla, che promuoveva la sua formazione da diplomatico.
«I miei nonni hanno avuto tre figli, di cui solo mio padre Ludwig, detto „Udi“, è sopravvissuto alla guerra. Quando anche lui ha avuto un tragico incidente nel 1962 all'età di 46 anni, sono diventato il capo della casata di Sayn, all'età di 18 anni.”

36. Signori e domestici

Ritorniamo a Ludwig e alla sua famiglia in Russia. Là, nelle proprietà immense, molte persone si occupavano del benessere della famiglia. Il rapporto tra padroni e servitù doveva essere stato particolarmente cordiale. I noti pittori, che avevano ritratto prima Ludwig, Stephanie e Leonilla, furono incaricati di ritrarre anche le persone che lavoravano in quel tempo. Da qui un album unico, con disegni ed acquerelli, di tutti i domestici.
La maggior parte dei disegni sono di Jan X. Kaniewski, autore anche del ritratto di Ludwig nella Galleria degli Antenati. Adolf Ladurner, il maestro della scena del ballo di San Pietroburgo accanto, dipinse un vecchio servitore, e Jakob Suter, dipinse la bambinaia del figlio maggiore, Peter. Inoltre, l'album mostra le governanti e le cameriere, la sarta e il cuoco, il cocchiere, il colono a Kamenka, il cameriere, il musicista, e due volte il nostro piccolo Ossip.
Particolarmente bello è il disegno di Ossip. Lo mostra in una posa maestosa, come è dovuto al salvatore del “salvatore di San Pietroburgo”. Si pone di fronte a noi come uno Zar! Non c'è da stupirsi, perché qui è stato disegnato da George Dawe, il pittore dell'imperatore russo Alessandro, il cui ritratto vedremo proprio nel foyer, accanto alla tromba delle scale.

37. Visita della famiglia reale prussiana

Il re di Prussia amava trascorrere l'estate al Castello Stolzenfels vicino a Koblenz, ricostruito dalle rovine, da Karl Friedrich Schinkel. Ecco un acquerello che illustra il ricevimento della famiglia reale prussiana sulla terrazza del castello di Sayn. Un'ampia scalinata porta gli ospiti dal parco del Castello alla terrazza, rifinita con una balaustra in ghisa. Franz X. Becker, un disegnatore della Sayner Hütte, catturò l'occasione nell’ immagine.
Seduti sotto la tenda, al tavolo, scopriamo, oltre ai padroni di casa Ludwig e Leonilla, l'amichevole Re Federico Guglielmo IV con la regina Elisabetta e suo fratello Principe Guglielmo, il futuro Imperatore, con la moglie Augusta e la Principessa Luisa. Uno dei grandi protagonisti dell’entourage del Re fu anche successivamente il Cancelliere del Reich, Otto von Bismarck.

38. La Principessa Margarete von Turn und Taxis

La Principessa Margarete von Thurn und Taxis, Arciduchessa d'Austria, era sia vicino alla natura, che artisticamente talentuosa.
La Principessa Gabriela racconta:
"Anche da adolescente, si dice che la mia bisnonna Margarete abbia dimostrato grande talento nella pittura. Ecco perché suo padre, l'Arciduca Joseph Carl d'Austria, le ha fatto prendere lezioni di pittura, con Olga Wisinger-Florian.
Nel 1903 Margit, così firmava i suoi dipinti, pubblicò "L’Atlante delle piante medicinali di Prelato Kneipp" con 186 pannelli vegetali colorati. Nonostante i suoi regolari incarichi come infermiera operativa nell'ospedale pediatrico di Ratisbona, la Principessa Margarete ha continuato a coltivare la sua passione per la pittura, fino alla vecchiaia.
Mi ricordo che, come nipote, ero stata autorizzata a raggiungerla nel suo studio, ed ero stata colpita dal materiale che aveva raccolto, per studiarlo. Ero particolarmente affascinata dallo scheletro di un cavallo in piedi, nel mezzo della stanza.“
L’installazione di vasi in vetro con la chiusura lacca turchese-blu, simile alle collezioni di storia naturale dei tempi del passato, è stata ideata dall'artista Anja Schindler, amica della famiglia principesca. Nei vasi sono conservati, sott’olio, oggetti reperiti in natura.

39. Il parco del castello, paesaggio culturale e biodiversità

Sulla parete accanto, si trovano informazioni circa la ricca fauna e la flora del Parco di 10 ettari, che comprende sia le rovine della collina del Castello, che il giardino all’inglese, nella pianura. La coppia principesca di ritorno dalla Russia, con la consulenza degli esperti Karl-Friedrich Thelemann e Heinrich Siesmayer, formarono dai campi e vigneti un romantico paesaggio, avendo come elemento centrale, il Castello neogotico.
Sopra il pannello, la ghiandaia e lo scoiattolo rosso, così come il trofeo di un gallo cedrone del 1890 raccontano la ricchezza della nostra natura nativa di allora, e di oggi.

40. Stazione di ricerca sulle farfalle

Non sono solo i bambini che apprezzeranno il nostro piccolo laboratorio ricerca. In primo luogo, è possibile testare il vostro senso dell'olfatto su un certo numero di fiale olfattive. In questo modo, si diventa consapevoli dell'importanza dell'odore in natura, che aiuta le nostre farfalle in particolare, a trovare un partner.
Di fronte, le farfalle possono essere ammirate attraverso la lente di ingrandimento. Le piccole squame delle loro ali, o degli arti in filigrana, ispirano lo spettatore.
Inoltre, scoprirete cose affascinanti dal mondo delle nostre farfalle indigene, conservate sotto delle campane di vetro. Un esempio è la migrazione di decine di migliaia di Belle-Dames (Vanessa Cardui), che lasciano l'Africa in primavera, per recarsi nell'estremo nord dell'Europa e tornare in Africa, alla fine dell'estate.

41. La Principessa delle Farfalle

Abbinando il Parco del Castello di Sayn, offriamo un set di mobili da giardino in ghisa, progettati da Karl Friedrich Schinkel e fabbricati nella Sayner Hütte, come luogo di riposo.
Sopra di esso c'è un dipinto ad olio dell'artista Stephan Kaluza, che mostra la Principessa Gabriela con il suo settimo figlio, il Principe Christian Peter. La fondatrice del Giardino delle Farfalle è circondata qui da acquerelli e varie immagini contemporanee di farfalle.
Tra le finestre, c'è una scultura bizzarra della famiglia principesca dell'artista Klemens Pompetzki, intitolata "Ritorno dalla caccia".
A sinistra della porta, c'è una fotografia di Slim Aarons, per Town & Country, che ritrae la Principessa Gabriela con il figlio primogenito, il Principe ereditario Heinrich.
E a destra, due documenti che esprimono l'attaccamento del Principe Ludwig all'agricoltura e il suo interesse per la fauna selvatica dello zoo di Colonia.

42. Il fascino dello sport automobilistico della Principessa Manni e la sua fami

“Abbiamo dedicato una stanza ai bambini al piano inferiore, e uno spazio che vale la pena visitare per i padri, al primo piano. Ma non solo loro.”
Dice il Principe Alexander.
“Tutti gli amanti di sport si divertiranno qui, verso la fine della visita. Le foto di mia madre sono di nuovo al centro, e ci si rende subito conto di quanto fosse entusiasta. Vogliamo anche mostrarvi dei filmati sulle corse, dalla tribuna, sulla vita di mia madre o sulla sua famiglia.
Vogliate prendere posto in tribuna!”
Il focus del suo interesse era, come lo è ancora oggi, le corse di automobili. Insieme a suo marito non perse una gara al vicino Nürburgring. Nel dopo guerra, questa era un'attrazione popolare. Le tribune erano affollate, e i piloti audaci, eroi delle auto da corsa. Il rumore era assordante e l'aria imbevuta di etere proveniente da enormi tubi di scarico, ma tutto ciò sembrava affascinante.
Si era nel mezzo di tutto questo. “Udi” e “Manni” conoscevano tutti i "gentlemen driver" che ancora all'epoca dominavano lo sport, e gli era permesso di stare al loro fianco durante le gare, nei box, di passare del tempo ad intrattenere i copiloti, in attesa. La sera si finiva spesso a festeggiare tutti insieme, a Sayn.

43. Il fascino è contagioso

“Noi bambini eravamo spesso autorizzati ad essere presenti. Qui potete vedermi sul lato sinistro della foto appesa vicino alla tribuna, mentre ammiro Jean Behra e la sua auto da corsa Porsche. Di tanto in tanto i piloti ci portavano dopo le gare nelle loro auto, sulla via del ritorno a casa. Non c'era limite di velocità, e la serpentina a Virneburg, era loro!
Questo ha suscitato in me il desiderio di provare in prima persona. Come un eroe locale, sono arrivato fieramente terzo, con mia Porsche 911, in una corsa sulle colline a Sayn. Era il giorno del nostro fidanzamento, e ho dovuto promettere subito a mio suocero che sarebbe stata l’ultima corsa. Una solta volta ho partecipato - con il permesso di mia moglie – ad un'altra gara, l'Alfa-Celebrity-Race, ad Hockenheim. Da allora, solo con la Seifenkiste (macchina giocattolo) nel parco, durante il festival annuale “Burgen und Parkfest”. Anche questo è sempre emozionante!
Con i vostri bambini, siete invitati a farvi una foto ricordo, nell’ auto sportiva rossa!”

44. Coppe, bicchieri, e buon vino

Il trofeo per la mia ultima gara in auto si trova insieme alla nostra foto di fidanzamento nella vetrina di destra.
Un altro argomento più “maschile” sono le bevande e bicchieri che mostriamo lì accanto. In alto c'è un cognac di 50 anni che prende il nome dal Maresciallo di Campo Peter, l'eroe del 1812, e fatto con vini della nostra ex cantina a Kamenka. Sono state imbottigliate 1812 bottiglie, a 1812 USD l’una. Sono numerate, Vladimir Putin ha la numero 1, e io la numero 2. Di fianco è esposta una bottiglia di brandy a base di frutta esotica del giardino reale in Thailandia, prodotta da mio nipote Maximilian Graf Coreth e Coredo.
Nella vetrina a sinistra, si apprende che la famiglia dei principi di Sayn, produce altre bevande eccezionali. Vediamo una scatola di Sassicaia, probabilmente il vino rosso più famoso d'Italia, prodotto dalla famiglia Incisa della Rocchetta, di cui fanno parte nostra nuora Priscilla, e nostro genero Stefano. Troverete anche i vini ungheresi del Conte Stefano Hunyady e la sua birra di mostro, prodotta in Toscana. Accanto ad essa, vedete dei deliziosi vini Riesling del Rheingau, prodotti dalla famiglia di mia moglie, i Conti von Schönborn.

45. Fumare, bere e fare sport da gentiluomini nelle fotografie della Principessa

“Fumare il sigaro è un attributo di molti uomini, e ai tempi di mio padre, molto più di oggi. Nella foto superiore, lo si vede fumare un buon Avana con suo suocero, suo cognato e il Principe Ereditario d'Egitto.
E anche, il Principe Ereditario spagnolo Juan Carlos ritratto con una sigaretta in bocca, mentre posa un candelabro sul tetto dell'auto del Principe Metternich, a Sayn.“
L'ultima serie di foto in questa stanza mostra ancora una volta quanto fosse ampio l'interesse sportivo della Principessa „Manni“.
Oltre agli atleti automobilistici Michael Schumacher, Niki Lauda e Jochen Maas, qui a Montcarlo con l’attore David Niven, si possono anche vedere il golfista Jack Nicklaus e il giovane eroe del tennis Boris Becker, incorniciato dal suo allenatore Jon Tiriac, e dalla Principessa Gloria von Thurn und Taxis.

46. I quadri al foyer superiore

Prima di arrivare alla Cappella del castello, diamo ancora un'occhiata ai dipinti nel foyer, al piano superiore. Sulla parete sopra l'ascensore, a destra e a sinistra, vediamo i genitori del Maresciallo di Campo Peter. Il Conte Christian Ludwig, che si trasferì in Russia, e la Contessa Amalie Ludovika, nata Contessa Finck von Finckenstein. Fu lei che morì in un incendio, dopo la nascita di sua figlia Amelie.
Al centro il ritratto di Amelie, salvata da Ossip. Sposò il Conte Dorothéus Ludwig von Keller, un ministro e diplomatico prussiano. Sua figlia Marie Wilhelmine, moglie del Principe Ivan Ivanovich Bariatinsky, era la madre di Leonilla.
Il ritratto accanto alla finestra raffigura lo Zar Alessandro I, ritratto da George Dawe. Esiste una copia quasi identica all'Hermitage di San Pietroburgo e in altri palazzi in Russia, perché Dawe era il pittore di corte della casa imperiale. Tra l'altro, l'immagine della Duchessa Lieven nel conservatorio viene anche da lui, così come il disegno di sopra, del piccolo Ossip.
“La famiglia principesca esiste da 25 generazioni, me incluso”,
spiega il Principe Alexander.
“Per la galleria degli antenati nelle scale, il pittore Josef Miller, nel 1860, dipinse gli antenati nel modo più realistico possibile. Sessanta anni dopo, i dipinti dovettero essere venduti. Fortunatamente, mio figlio primogenito, il Principe Heinrich, fu in grado di riacquistare due ritratti. Si tratta dei Conti Johann von Sponheim e Engelbert von Sayn, vissuti nel XIII secolo.”

Ora si va di nuovo attraverso il giardino d'inverno, alla Cappella del castello, e poi all'uscita.

47. Heinrich il Grande di Sayn e il legame con santa Elisabetta

All'ingresso della Cappella del castello, vorrei presentarvi il Conte Heinrich III di Sayn. Fu chiamato "il Grande", non solo per la sua grande statura, oltre 2 metri e dieci, ma perché era uno dei più potenti reggenti della Renania, nel XIII secolo. Attraverso il suo matrimonio con la Contessa Mechthild von Meissen-Landsberg, la coppia divenne fra i più stretti parenti di Santa Elisabetta di Turingia.
Quando Elisabetta rimase vedova e decise di vivere in povertà, sua figlia Sophie venne a Sayn. La futura Duchessa di Brabant probabilmente chiamò Heinrich il "lebe Vader myn (mio caro padre)", come tramandato in un commento, alla sua morte.

Con la morte di Heinrich nel 1246, gli antichi conti di Sayn si estinsero. Il titolo, il nome e le proprietà furono rilevati dai discendenti della sorella di Heinrich, Adelheid, che era sposata con il Conte Gottfried di Sponheim. Oggi, tutti i Sayn-Wittgenstein della linea maschile discendono dai Conti di Sponheim.

48. Il miracolo delle rose

Ora ci troviamo nella stanza di fronte alla cappella, davanti ad un dipinto di Sant' Elisabetta, nella maniera di Franz Ittenbach. Rappresenta il miracolo delle rose, come il pane si è trasformato in rose quando segretamente ha voluto portarlo dal Wartburg, ai poveri.
Sulla finestra di vetro in tre parti accanto ad essa, creata da Joseph Settegast, si fa riferimento ai donatori, la Principessa Leonilla e il Principe Ludwig con le iniziali "LW" e lo stemma dell'alleanza "Bariatinsky e Sayn-Wittgenstein ".
La vista si apre allo spazio della chiesa policroma neogotica, con il suo cielo stellato blu profondo. La doppia cappella, creata nel 1861 dall'architetto di Koblenz Hermann Nebel, è un’imitazione della Sainte Chapelle di Parigi.

49. La cappella del castello e il reliquiario contenente il braccio di Santa Eli

Le vetrate di Moritz von Schwind mostrano la Santa russa Leonilla e il Santo Re Luigi di Francia, dietro all’ altare, nella parte superiore della chiesa. Erano stati distrutti durante la guerra ad eccezione della rappresentazione della Madonna con il Bambino Gesù nel medaglione, e sono stati rifatti secondo i disegni attuali del grande pittore.
La Madonna in marmo bianco porta una corona d'oro di stelle con le iniziali dei figli e nipoti della famiglia principesca. Sul rivestimento del muro, il leone di Sayn si alterna con l'aquila russa e l'arcangelo Michele, proveniente dallo stemma dei principi Bariatinsky.
La barriera del coro in ghisa, prodotta nella Sayner Hütte, con le iniziali dei fondatori dell'edificio. Infine le rosette sull’ altare maggiore, in smalto, mostrano i santi delle famiglie della coppia principesca. A sinistra Vladimir, antenato di Leonilla e a destra Jutta von Sponheim, dalla quale discende Ludwig.

Questa bella chiesa fu costruita per la reliquia che si trova nella vetrina centrale, sotto l’altare. Si tratta di un braccio di Santa Elisabetta, conservato in una custodia dorata, capolavoro dell'oreficeria del Reno del XIII secolo.
Quando la Principessa Leonilla, acquistando il castello, menzionò che era una diretta discendente della Santa, il venditore, Conte Clemens Boos von Waldeck, le disse che possedeva questa preziosa reliquia. Era infatti stata conservata nel monastero di Altenberg sul Lahn, dove l’aveva portata la figlia di Elisabetta, Gertrude, fino alla secolarizzazione del monastero. Il Conte Boos la donò quindi alla Principessa Leonilla.

50. Alla cripta e arrivederci

Prima di concludere il tour attraverso il negozio del museo, arriviamo al piano della cripta della Cappella del castello. Qui c'è la tomba della famiglia. Si vede una una collezione di litografie di famosi dipinti rinascimentali, commissionati dal Principe Ludwig, intorno al 1830.
La scultura in ceramica della madonna protettrice, all'ingresso della cripta, è dell'artista Heinz-Theo Degen. Mostra i figli del Principe Ludwig e della Principessa Marianne: Yvonne, Alexander, Elisabeth, Teresa e Peter.
Nella cripta stessa, un rilievo medievale in pietra arenaria sul sarcofago della Principessa Leonilla, che mostra la sepoltura di Maria, è di particolare importanza. Suo marito, il Principe Ludwig, e la Principessa Yvonne, riposano in altri due sarcofagi.

Alla fine, sentite nuovamente la Principessa Gabriela:
“Mio marito ed io speriamo vivamente che vi sia piaciuto visitare il nostro Nuovo Museo e suscitato il vostro interesse a tornare da noi presto. Combinate il vostro soggiorno con una visita alle molte altre attrazioni del Parco Culturale Sayn.
Il nostro Sayn, vale sempre un viaggio!”